mercoledì 6 giugno 2012

I SILICONI NEI COSMETICI: SAPPIAMO COSA CI SPALMIAMO ADDOSSO?





I siliconi sono polimeri inorganici molto versatili: sono idrorepellenti, duttili, antistatici, resistenti alle alte temperature, resistenti all'invecchiamento (quindi purtroppo non biodegradabili) e chimicamente inerti. L'insieme di queste caratteristiche li ha resi molto appetibili agli occhi delle aziende cosmetiche da sempre alla ricerca dell'ultima novità. L'uso dei siliconi rende le creme, lo shampoo e il balsamo più morbidi e piacevoli al tatto, e inizialmente gli effetti su pelle e capelli sono molto soddisfacenti: la nostra pelle apparirà liscia e morbida e la nostra chioma lucente. A lungo andare però questi vantaggi si rivelano apparenti...
I prodotti per capelli con i siliconi all'interno non nutrono il capello ma bensì ne rivestono il fusto, coprendo le squame e donandogli un aspetto setoso. Il capello però non è realmente nutrito, ma solo rivestito da questa pellicola sotto la quale continua a rovinarsi...col passare del tempo i siliconi o seccano i capelli favorendo le doppie punte oppure li rendono flosci e pesanti.
Applicando i siliconi sulla nostra pelle si produrrà una patina che la renderà liscia e morbida, apparentemente perfetta. Ma in poco tempo accentuerà la secchezza e i punti neri, perché non le permette di respirare. .
Per evitare questi spiacevoli inconvenienti è sufficiente prestare attenzione all'INCI (International Nomenclature of Cosmetic Ingredients) e consultare il biodizionario! 





Generalmente sono siliconi tutte quelle sostanze che finiscono in -one, -ticone e -siloxane. Cerchiamo di essere consumatori consapevoli...LEGGIAMO LE ETICHETTE!
Sperando di esservi stata utile vi do appuntamento al prossimo articolo,

Sarah Diotallevi – Centro Internazionale Civiltà dell'Acqua.